sabato 3 febbraio 2007

In coscienza

Un uomo delle forze dell'ordine ha perso la vita nel corso degli scontri verificatisi in occasione di una partita di calcio. Un coro indistinto di voci si alza sdegnato e propone di sospendere il campionato. Paradossalmente, ma non troppo, il fiato di tali personaggi e' lo stesso che ha alitato per anni sulla societa' con lo scopo di creare delle sacche in cui far defluire la rabbia delle masse insoddifatte, che altrimenti avrebbero copiosamente riempito i bacini delle piazze e delle strade con la linfa della insoddisfazione e del risentimento degli uomini nei confronti dei caporali.
Le curve degli stadi, le piste delle discoteche, l'eroina consolatrice, sono dei luoghi e dei mezzi che servono per stordire e per fare dimenticare.
Sospendere le partite, anticipare la chiusura delle balere notturne, promulgare fittizie leggi antidroga, sono solo degli alibi per la coscienza da fariseo che il potente si ritrova.